TAV Veneta: analisi del ministero ne conferma l’utilità

     


Nuova linea libera binari per servizio suburbano Bene riduzione dell’impatto come chiediamo da anni
Verona, 3 luglio 2019
«L’analisi costi benefici del Ministero delle Infrastrutture conferma l’utilità di realizzare la Tav tra Brescia e Padova. Bene così». Il deputato veronese Diego Zardini sottolinea che finalmente anche Ministero e ministro «hanno capito che non ha alcun senso bloccare l’opera, ma dobbiamo lavorare tutti insieme per migliorarla. Da anni chiediamo di ridurre l’impatto ambientale e abbiamo ottenuto degli importanti miglioramenti». «Sull'opera è stato svolto anche a livello comunale un lavoro puntuale per cercare di migliorarla con opportune osservazioni ottenendo risultati concreti per la salvaguardia di siti storici e ambientali» ricorda il consigliere comunale di Verona Stefano Vallani. «Il sogno di avere binari liberi per il servizio locale è uno degli ulteriori benefici che l'opera indirettamente riverserà sul territorio». Con la nuova linea si libereranno infatti i binari utilizzati attualmente. «È forse l’aspetto più interessante dell’opera», afferma Zardini. «Riguarda i benefici collaterali e indiretti. Penso da tempo si debba insistere perché Verona attivi un servizio di trasporto ferroviario suburbano. C’è un progetto per realizzarlo, servono diverse nuove fermate e alcuni lavori di sistemazione del nodo ferroviario, ma è possibile farlo senza costi stellari. Una volta che i treni veloci saranno indirizzati sulla nuova linea ad Alta Capacità, quella storica potrà essere utilizzata per un servizi ad alta frequentazione nel raggio di 25-30 chilometri dal capoluogo. La possibilità di aumentare le connessioni con il territorio e di avere a costi ridottissimi un’infrastruttura a quasi completo servizio dei pendolari è, diciamo, un derivato dell’Alta Capacità». «L’opera è infine utile e necessaria per ridurre il traffico di mezzi privati e aumentare persone e merci che possono viaggiare su mezzi veloci ed efficienti», conclude Zardini. «Ora il ministro la smetta di frapporre ostacoli che contribuiscono solo a ritardare la realizzazione della ferrovia e a favorire il trasporto su gomma sull’autostrada più congestionata d’Italia».

Leggi tutto

Villa Balladoro: Prorogati i termini di presentazione dei documenti

     


VILLA BALLADORO Prorogati i termini di presentazione dei documenti Zardini: «Ora Comune di Povegliano si dia da fare»
Verona, 20 giugno 2019
Sono stati prorogati al 15 settembre 2019 i termini per la presentazione dei documenti da allegare ai progetti esecutivi per la realizzazione degli interventi di recupero dei beni e luoghi culturali finanziati dal programma @Bellezza. Lo ha stabilito il governo con apposito decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale.
«Avevamo chiesto al governo un differimento dei termini per consentire a tutti i Comuni e ai soggetti che sono impegnati nei progetti di recupero di beni culturrali di alto valore di avere il tempo necessario a produrre tutta la documentazione burocratica», afferma il deputato veronese Diego Zardini. «Nel nostro territorio la proroga dovrebbe servire a salvare il finanziamento di 1 milione e 700 mila euro per il recupero di Villa Balladoro. L’attuale amministrazione, succeduta alla precedente nel 2018, in oltre un anno non era riuscita a produrre il piano di gestione, condizione necessaria all’erogazione del finanziamento. Ora speriamo che l’amministrazione di Povegliano si metta al lavoro e produca tutti i documenti necessari ad avviare i lavori di recupero di uno dei più importanti complessi culturali del nord Italia».
Il decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri prevede che entro il 15 settembre i Comuni presentare la documentazione attestante il possesso delle autorizzazioni, dei pareri, dei nulla osta e degli altri provvedimenti eventualmente prescritti e necessari per la realizzazione dell'intervento, nonché la certificazione comprovante che l'oggetto dell'intervento rientra tra le categorie di beni culturali e che sia stata verificata la sussistenza dell'interesse culturale

Leggi tutto

Sera Este: spero nell’intervento della magistratura per fare chiarezza

     


SESA ESTE: SPERO NELL'INTERVENTO DELLA MAGISTRATURA PER FARE CHIAREZZA
Verona, 11 giugno 2019
«L’inchiesta di Fanpage sulle connessioni tra imprese e interessi privati della Sesa di Este e politici della Lega con incarichi di livello governativo e quindi con interessi pubblici - almeno idealmente - sta aprendo un autentico vaso di Pandora. Quello che c’è dentro credo lo scopriremo nei prossimi giorni, perché probabilmente siamo solo all’inzio della vicenda. Certo non promette nulla di buono che il responsabile delle relazioni esterne di una ditta di smaltimento rifiuti fosse contemporaneamente spin doctor e addetto alla comunicazione del sottosegretatio all’ambiente Vannia Gava e poco fa, davvero, che lo abbiano dimesso. Credo ci sia bisogno di un approfondimento, spero anche della magistratura, per verificare se siano stati commessi illeciti e se ci siano stati, come afferma l’inchiesta di Fanpage, trasferimenti di denaro dalle società collegate a Sesa alla Lega di Salvini, se eventualmente siano stati commessi degli illeciti e infine se la Regione Veneto e le altre amministrazioni coinvolte abbiano operato sempre e solo nell’interesse pubblico». Lo afferma il deputato veneto Diego Zardini.

Leggi tutto

Dopo i ballottaggi, il Pd ha un campo aperto per fronteggiare la destra

     



Dopo i ballottaggi il Pd ha un campo aperto per fronteggiare la destra

Verona, 10 giugno 2019
«I risultati dei ballottaggi ci riportano una politica sempre più divisa tra un centrosinistra aperto alla società e riformatore e l’estrema destra». Anche in provincia di Verona, ricorda il deputato Diego Zardini, «i tre comuni dove si è votato ieri ripropongono quello che è ormai uno schema applicabile a tutto il territorio nazionale. I tre candidati di ispirazione di centrosinistra a San Bonifacio, Pescantina e Negrar hanno dovuto affrontare con le loro forze la Lega, sbarcata nel veronese con i vertici del partito regionale e nazionale e con un’agenda dettata dall’alto, tanto ammaliante quanto distante dalle esigenze del territorio. A San Bonifacio il sindaco uscente Provoli è stato confermato senza problemi e con largo margine. A Negrar il sindaco uscente di centrosinistra, Grison, ha vinto per un pugno di voti, mentre a Pescantina il sindaco Cadura ha dovuto cedere il passo alla fuorviante campagna leghista. Al di là dei ballottaggi, in tutti i comuni dove si è votato, emerge chiaramente lo spazio per un’azione politica profonda da parte del Partito Democratico. Mi auguro e lavorerò nelle prossime settiamane per questo, perché il mio partito si faccia carico di un impegno meticoloso e certosino, comune per comune, per dare risposta concreta a questa domanda riformista e di buona amministrazione. È evidente che la società civile, pur indispensabile, da sola non ce la fa a sostenere progetti politici e amministrativi di lunga durata».

Leggi tutto

La vicenda Mercatone Uno certifica che il governo è inetto

     


Mercatone Uno, Rotta-Zardini (Pd): certifica che governo è inetto Di Maio lavori a quello per cui è pagato da italiani Roma, 30 maggio
"1800 lavoratori in Italia, 150 nel Veneto e 37 solo nella sede di Legnago, tutti a casa senza preavviso e, soprattutto, senza che il ministro Di Maio abbia dato segnali di interessamento. Quella dei dipendenti di Mercatone Uno è una conta triste che certifica l'inettitudine del governo". Lo dichiarano i parlamentari veronesi del Pd Alessia Rotta, vicepresidente vicaria dei deputati dem, e Diego Zardini, della commissione Attività Produttive della Camera. "Ora è già molto tardi, ma è il tempo delle risposte. Oltre al ricorso immediato degli ammortizzatori sociali, che possono dare respiro alle lavoratrici e ai lavoratori - spiegano i deputati Dem - è necessario la aprire una procedura di amministrazione straordinaria per permettere di salvaguardare la produzione e i posti di lavoro". "Di Maio ha una doppia colpa, sia da ministro dello Sviluppo Economico sia da ministro del Lavoro. Non solo in questi mesi ha mancato di vigilare sul mancato rilancio e sui mancati investimenti, ma ora non sta neppure utilizzando tutti gli strumenti necessari per salvaguardare i posti di lavoro. Ora - concludono Rotta e Zardini - la smetta di piangersi addosso per i risultati elettorali, che sono tali anche per la sua dimostrata incompetenza a governare, e inizi a occuparsi di ciò per cui è pagato dagli italiani".

Leggi tutto

Autonomia: nessuna riforma senza ok Parlamento

     



AUTONOMIA: NESSUNA RIFORMA SENZA OK PARLAMENTO
Zardini: «Ministro Stefani ammette errori del presidente Zaia»
Roma, 29 maggio 2019
«Il ministro Stefani in audizione in commissione per le Questioni regionali pare aver compreso che nessuna riforma potrà essere approvata contro il Parlamento». Per il deputato veronese Diego Zardini il ministro «sembra ammettere le gravi responsabilità e i marchiani errori tattici del presidente della Regione, Luca Zaia, che con la propaganda ha spaventato gli italiani. Se rimane dentro i paletti della Costituzione, senza spaccare il Paese, l’autonomia può essere un’opportunità. Occorre determinare sui fabbisogni e costi standard per garantire i livelli essenziali delle prestazioni. Mentre questa maggioranza pasticciona pensa solo alle elezioni e al consenso senza saper come uscire dall’impasse, il Partito democratico continuerà a lavorare perché autonomia e sussidiarietà migliorino efficienza ed efficacia dei servizi e dell’azione pubblica».

Leggi tutto