Piccoli Comuni: contributo di 81.300 euro per investimenti

     


PICCOLI COMUNI Contributo di 81.300 euro per investimenti A ciascuno dei 5 comuni veronesi sotto i mille abitanti
Verona, 2 febbraio 2021
I Comuni con meno di mille abitanti potranno ricevere ciascuno dallo Stato un contributo a fondo perduto di 81.300 euro. Il Ministero dell’Interno sta pubblicando in Gazzetta Ufficiale il decreto che attribuisce la somma agli enti che nel 2021 attiveranno opere per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale e per l’abbattimento delle barriere architettoniche, nonché per gli interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile.
Ne dà notizia il deputato veronese Diego Zardini, ricordando che l’avvio dell’esecuzione dei lavori deve avvenire perentoriamente entro il 15 maggio 2021. «Complessivamente l’intervento è di 160 milioni di euro in tutto il Paese a favore dei 1.968 Comuni con popolazione inferiore a mille abitanti. Il provvedimento rientra tra le politiche di sostegno alle aree marginali e soprattutto intende sostenere gli investimenti di questi enti le cui dimensioni non consentono razionalizzazioni della spesa pubblica».
In provincia di Verona i Comuni beneficiari sono cinque: Erbezzo, Ferrara di Monte Baldo, San Mauro di Saline, Selva di Progno e Velo Veronese.

Leggi tutto

Zaia usi la mimetica a carnevale

     



Zardini: «Zaia usi la mimetica a carnevale» Appena finita l’emergenza sanitaria riparte il percorso dell’autonomia differenziata e responsabile. Il presidente eviti riferimenti militareschi

Verona, 21 gennaio 2021
«Dopo l’assalto a Capitol Hill del 6 gennaio, ogni riferimento alla militarizzazione della politica è da irresponsabili». Il deputato veneto Diego Zardini, componente della Commissione parlamentare per le questioni regionali, stigmatizza la dichiarazione del presidente della regione sull’autonomia in cui si dice pronto a ‘mettersi la mimetica’. «Se il Veneto fatica a far valere le proprie ragioni a livello nazionale è per questo atteggiamento continuamente minaccioso e rancoroso. Zaia con le sue lagne continue cerca di far dimenticare le proprie responsabilità e la propria inconsistenza politica», continua Zardini. «Il processo dell’autonomia differenziata e responsabile», ricorda il deputato, «sì è bloccato per cause di forza maggiore, cioè per la pandemia. L’emergenza sanitaria da quasi un anno è la priorità delle priorità e fra l’altro ha comportato una crisi economica senza precedenti. La visita in Veneto della Commissione parlamentare sulle questioni regionali era programmata a febbraio 2020 e non si è potuta tenere per i motivi noti a tutti, probabilmente anche a Zaia». Non appena il paese potrà tornare alla normalità, conclude Zardini, «riprenderemo il percorso per garantire al Veneto e alle altre Regioni che lo hanno chiesto, le forme di autonomia previste dalla Costituzione che prevedono maggiori oneri e maggiori responsabilità per i decisori locali con l’obiettivo di rendere più rapida ed efficace l’erogazione dei servizi sul territorio. Lo faremo con il bagaglio della politica che discute e si confronta, quindi suggerisco al presidente della Regione di tenere la mimetica per carnevale e, sempre che lo conosca, adottare un linguaggio più consono all’istituzione che temporaneamente rappresenta».

Leggi tutto

Grazie a forze dell’ordine per indagini su violenze in centro a Verona

     

Grazie a forze dell’ordine per indagini su violenze in centro a Verona Zardini: «Le proteste sono sempre legittime, le violenze no»

Verona, 22 dicembre 2020 «Un ringraziamento particolare agli inquirenti e alle forze dell’ordine che al termine di indagini discrete ed efficaci questa mattina hanno perquisito le abitazioni e denunciato i responsabili delle violenze del 28 ottobre scorso. Estremisti di destra avevano approfittato delle legittime rimostranze di alcune persone rispetto alle misure di contenimento del Covid per devastare il centro storico di Verona, spaccando vetrine e distruggendo plateatici. La protesta è sempre legittima, la violenza no. Resta molto preoccupante e la dice lunga sulla sub cultura di destra che fra le persone denunciate vi siano anche sei minorenni». Lo afferma il deputato veronese Diego Zardini.

Leggi tutto

COVID: Zaia si prenda le sue responsabilità

     

COVID Zardini (PD): Zaia si prenda le sue responsabilità In Veneto i dati peggiori d’Italia. Basta nascondersi dietro i numeri
Roma, 14 dicembre 2020
«Zaia si assuma le proprie responsabilità. Dal governo ha avuto ampie coperture politiche, legislative e finanziarie per contrastare la seconda ondata di coronavirus. Purtroppo in Veneto il numero di contagi è ampiamente sopra la media nazionale, così come quello dei decessi. Lo hanno evidenziato la settimana scorsa i sindacati dei medici, degli infermieri e degli operatori ospedalieri, disperati e lasciati soli davanti al procedere inarrestabile del numero di positivi e di morti. Lo aveva previsto, inascoltato, il professor Crisanti, criticando la scelta di basare la prevenzione sui tamponi cosiddetti ‘rapidi’. Ammesso che i dati forniti dalla Regione Veneto al ministero della Sanità siano corretti, e non ho dubbi che sia così, è chiaro che il sistema sanitario regionale non sta funzionando. Trincerarsi dietro i numeri mentre i cittadini cadono è doppiamente colpevole». Lo afferma il deputato veneto del Partito democratico, Diego Zardini.

Leggi tutto

Contributi COVID: Senza l’intermediazione delle Regioni soldi nei conti in 4-15 giorni

     



Contributi COVID: Senza l’intermediazione delle Regioni soldi nei conti in 4-15 giorni Il deputato Zardini (PD) conferma: ai lavoratori veneti oltre 172 milioni in poche settimane

Roma, 11 dicembre 2020 «Senza la zavorra burocratica delle regioni, rispetto alla scorsa primavera i tempi di erogazione dei contributi a imprese e lavoratori sono drasticamente diminuiti. Oggi stiamo in una forchetta tra i 4 e i 15 giorni con i bonifici fatti direttamente dal’Agenzia delle Entrate nei conti correnti dei beneficiari. Aver eliminato l’intermediazione delle Regioni che nell’esperienza precedente aveva ritardato i pagamenti anche di mesi, si è tradotto in un vantaggio immediato per i lavoratori». Lo afferma il deputato veneto Diego Zardini che ha chiesto un approfondimento sui contributi erogati in seguito alle restrizioni decise a livello nazionale per contrastare la seconda ondata della pandemia. Da inizio novembre l’Agenzia delle Entrate ha complessivamente erogato 172 milioni 460 mila euro a fondo perduto in Veneto. I soggetti beneficiari nella regione sono stati 35.408, lavoratori dipendenti, piccoli negozianti, artigiani e liberi professionisti di 96 filiere produttive e commerciali. «Continuiamo a fare il monitoraggio della spesa», afferma Zardini, «per conoscere eventuali criticità e per dare conto dello sforzo che stiamo facendo per tenere a galla micro aziende, esercizi, laboratori artigiani e piccoli studi professionali, cioè una parte consistente dell’economia delle nostre città».

Leggi tutto