5 milioni di euro per la riforestazione di aree andate a fuoco

     



Riportare la biodiversità nei luoghi devastati dal fuoco è un segnale forte alla criminalità che cerca di ricavare profitto dalla distruzione dei beni naturali che rendono unici i nostri Parchi.

Un piano da 5 milioni di euro reperiti nell’ambito delle risorse europee destinate alle misure di adattamento ai cambiamenti climatici quello del Piano nazionale di riforestazione suddiviso in due fasce di tipologie ammesse al finanziamento: il miglioramento della resilienza degli ecosistemi e la conservazione della biodiversità dei sistemi forestali.

Nella prima fascia di azioni ricadono gli interventi di recupero e rinaturalizzazione del materiale legnoso, quelli per la tutela della risorsa suolo, il controllo dello scorrimento dell’acqua piovana superficiale, le azioni per la stabilità morfologica dei versanti e per il ripristino della densità arborea naturale e artificiale. La seconda area di interventi concerne la realizzazione di eventuali vivai derivati, affini per uso e composizione floristica a quelli percorsi dal fuoco, gli interventi per il recupero di forme forestali di alto fusto, per lo sfollamento in particolare nel caso di boschi di conifere, per la realizzazione di infrastrutture per segnalazione e avvistamento incendi. A determinare l’azione del punteggio saranno vari criteri di valutazione: la fattibilità, le caratteristiche tecniche, l’analisi dei costi, il monitoraggio, con descrizione delle attività e degli strumenti per misurare il grado di successo degli interventi, le modalità di finanziamento del progetto e il livello di progettazione. Saranno inoltre considerati i benefici ambientali attesi dalla realizzazione: il recupero e la conservazione della biodiversità, la riduzione del rischio idrogeologico, la tutela del suolo, la mitigazione e l’adattamento al cambiamento climatico, come dell’inquinamento atmosferico.

Rispondi

Iscriviti alla Newsletter

I testi presenti sul sito, in assenza di altre indicazioni, sono scritti da Diego Zardini o suoi collaboratori. Sono riutilizzabili riportando la fonte.

© Diego Zardini 2017